Congressi:
Vai
La gestione delle pazienti iper-responsive alla superovulazione
Pubblicato su:
La Rivista Italiana di Ostetricia e Ginecologia n. 3
Abstract The ovarian hyperstimulation syndrome (OHSS) is a complication that can occur during ovulation induction cycles for IUI and FIVET-ICSI when exogenous gonadotrophines are used. In mild OHSS a careful follow-up is sufficient. On the contrary hospitalization becomes necessary in case of severe OHSS, which is characterized by enlarged ovaries and ascites, hydrothorax, haemoconcentration, hypovolaemia, hypoproteinemia and reduced renal perfusion.
PCOS women have a higher risk to develop this complication. In particular, the step-up protocol for ovulation induction with exogenous FSH is associated with an incidence of OHSS of 4-5%. On the other hand, the step-down protocol uses a lower dosage of FSH and days of treatment are shortened, therefore the incidence of OHSS is reduced. Recently, it has been demonstrated an increased risk to develop OHSS as a result of insulin resistance and the administration of exogenous FSH. On the basis of this observation the combined therapy metformin-FSH seems to be associated with a more physiological ovarian response: higher oocyte and embryo quality, a minor follicular recruitment and a lower incidence of OHSS.
Riassunto La sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS) è una complicanza che può verificarsi nel corso di cicli di induzione dell’ovulazione in donne che fanno ricorso a tecniche di procreazione medicalmente assistita (FIVET-ICSI), ma anche in quelle in cui l’induzione è stata attuata per il raggiungimento della semplice ovulazione, in particolare quando si usano le gonadotropine esogene. Nelle forme più lievi è sufficiente un attento controllo, mentre nei casi più gravi, in cui le ovaie possono raggiungere dimensioni superiori a 120 mm e possono presentarsi ascite, idrotorace, emoconcentrazione, ipovolemia, ipoproteinemia e ridotta perfusione renale, diventa necessario il ricovero in ospedale. Le donne affette da sindrome dell’ovaio policistico hanno un rischio più elevato di sviluppare questa complicanza. In particolare, con il protocollo stepup di induzione dell’ovulazione, l’incidenza di OHSS è del 4-5%. Al contrario, il protocollo step-down prevede una minor durata di trattamento e dosi inferiori di FSH, pertanto si associa ad una più bassa incidenza di OHSS. Recentemente, è stato dimostrato che il rischio di sviluppare OHSS in seguito a terapia con FSH esogeno aumenta con l’aumentare dell’insulino-resistenza. Sulla base di questa osservazione la terapia combinata metformina-FSH sembra essere associata ad una più fisiologica risposta ovarica, con un minor reclutamento follicolare ed una più bassa incidenza di OHSS. Inoltre, l’impiego combinato FSH-metformina è correlato ad una migliore qualità degli ovociti e degli embrioni nelle donne che si sottopongono a FIVET.