Congressi:
Vai
Celiachia e osteoporosi: il ruolo del ginecologo dall'esperienza di un caso clinico.
Pubblicato su:
La Rivista Italiana di Ostetricia e Ginecologia n. 32
Abstract Celiac disease is a disorder characterized by malabsorption and chronic inflammation of the intestinal mucosa. Literature shows the close correlation between celiac disease and osteoporosis, with a significant increased risk of fracture in patients with this chronic intestinal disease. The mechanism behind this relationship is the malabsorption of calcium, also associated with reduced expression of proteins regulated by vitamin D, actively involved in the absorption of calcium by enterocytes of the villi. Our case report concerns a 32 year old woman suffering from celiac disease, which was also diagnosed with a condition of early osteoporosis. The knowledge of the increased risk of osteoporosis in patients with celiac disease allows early detection and to implement appropriate therapy. The basic treatment is the gluten-free diet, that is essential to control the underlying disease for which the comorbidities that may arise, such as osteoporosis. In women, menopause hormone replacement therapy should be initiated, subject to the general contraindications. If the removal of gluten from the diet of patients with celiac disease does not increase bone loss, additional treatment with oral bisphosphonates may be indicated.
Riassunto La celiachia è una patologia caratterizzata da malassorbimento ed infiammazione cronica della mucosa intestinale. Dai dati della letteratura si evince la stretta correlazione tra celiachia ed osteoporosi, con un notevole aumento del rischio di frattura nei pazienti affetti da tale patologia intestinale cronica. Il meccanismo alla base di questa relazione è il malassorbimento del calcio, associato anche a ridotta espressione delle proteine regolate dalla vitamina D, implicate nell'assorbimento attivo del calcio da parte degli enterociti dei villi intestinali. Il nostro caso clinico riguarda una donna di 32 anni affetta da celiachia, alla quale si è diagnosticata anche una condizione di osteoporosi precoce. La conoscenza dell’aumentato rischio di osteoporosi nei soggetti celiaci, permette di individuarli precocemente e di attuare una terapia adeguata. Il trattamento di base risulta essere comunque la dieta priva di glutine, indispensabile sia per un controllo della patologia di base che per le comorbidità che ne possono derivare, quale l’osteoporosi. Nella donna in menopausa la terapia ormonale sostitutiva dovrebbe essere instaurata, fatte salve le controindicazioni generali. Se l’abolizione del glutine dalla dieta dei pazienti con malattia celiaca non migliora la perdita di massa ossea, il trattamento supplementare con bifosfonati per via orale potrebbe essere indicato.