Congressi:
Vai
Efficacy of Solifenacin in “de novo” urgency frequency syndrome after trans-obturator-tape surgery.
Pubblicato su:
La Rivista Italiana di Ostetricia e Ginecologia n. 29
Abstract Our study evaluates the efficacy of Solifenacin in the cases of “de novo” urgency-frequency syndrome after the placing of transobturator tape (TOT).
A sample of 106 women, treated by TOT, were followed in postoperative course for one month. We selected 13 patients (12.3%) with “de novo” urgency frequency syndrome, excluding cases of cystitis, who started Solifenacin 5mg/day, administered orally, for three months.
Our study showed that these patients reported significant improvements in urge incontinence, frequency and nocturia, on the VAS (p < 0.001), all OAB-q and KHQ domains (p < 0.001) and bladder diaries. After the therapy, we highlighted that only 3 (2.8%) of the 13 patients continued to present, even if in a minimized manner, a pseudo-irritant symptomatology; in the other 10 patients (9.4%), we obtained a complete resolution of the symptomatology.
Our study is one of the few in medical literature that has proven the efficacy of a selective M3 antimuscarinic for the cure of the pseudo-irritant symptomatology after anti-incontinence surgery.
We got the regression of symptoms of urgency in 100% of patients with a meaningful improvement of quality of life.
Riassunto Il nostro studio valuta l'efficacia della solifenacina nei casi di sindrome urgenza-frequenza “de novo”, dopo l’apposizione di un transobturator tape (TOT).
Un campione di 106 donne, trattate con TOT, è stato seguito nel decorso post-operatorio per un mese. Abbiamo selezionato 13 pazienti (12,3%), con sindrome urgenza frequenza “de novo”, esclusi i casi di cistite, che hanno iniziato la terapia con 5mg/die di solifenacina, con somministrazione orale, per tre mesi.
Lo studio ha mostrato che queste pazienti hanno riportato miglioramenti significativi nell’incontinenza da urgenza, nella frequenza, nella nicturia, nella VAS (p <0,001), in tutti i domini OAB q e KHQ (p <0,001) e nei diari minzionali. Dopo la terapia, abbiamo evidenziato che solo 3 (2,8%) delle 13 pazienti ha continuato a presentare, anche se ridotta al minimo, una sintomatologia pseudo-irritante; nelle altre 10 pazienti (9,4%), abbiamo ottenuto una completa risoluzione della sintomatologia.
Il nostro studio è uno dei pochi in letteratura medica che ha dimostrato l'efficacia di un antimuscarinico selettivo M3 per la cura della sintomatologia pseudo-irritante dopo l'intervento anti-incontinenza.
Abbiamo ottenuto la regressione dei sintomi di urgenza nel 100% delle pazienti con un miglioramento significativo della qualità della vita.