Congressi:
Vai
Meccanismo d’azione dei contraccettivi orali
Pubblicato su:
La Rivista Italiana di Ostetricia e Ginecologia n. 2
Abstract Hormonal contraception has undergone deep changes in the last decades and it is now possible to choose between different formulations with very low hormonal doses. Furthermore, new ways of administration have been recently introduced, allowing a personalization of the treatment according to the clinical conditions and the compliance of the patient.
Hormonal contraception is strictly related with those mechanisms that regulate the normal reproductive function. Hormonal contraceptives are effective in preventing pregnancy acting at different levels of the hypothalamus-pituitary-ovary axis. The availability of molecules similar to the endogenous estrogens and progesteron allows a modulation of the feed-back system and produce different effects on the target organs, which leads to an optimal fertility control without loosing the benefits that gonadal hormones have on women’s health.
Riassunto La contraccezione ormonale ha subito un notevole sviluppo negli ultimi decenni, grazie all’introduzione di molecole in grado di modulare in maniera sempre più precisa la funzione riproduttiva e alla possibilità di utilizzare dosaggi ormonali progressivamente decrescenti. Inoltre, sono state messe a punto nel tempo e sperimentate con successo vie di somministrazione diverse da quella orale, permettendo di personalizzare il trattamento contraccettivo sulla base delle condizioni cliniche, delle preferenze e della tolleranza soggettiva delle pazienti.
La base razionale della contraccezione ormonale deriva dalla conoscenza dei complessi meccanismi che regolano e controllano la funzione riproduttiva. Il sistema integrato ipotalamo-ipofisi-ovaio rappresenta il punto di partenza per la comprensione dei meccanismi attraverso i quali i contraccettivi ormonali sono in grado di impedire l’instaurarsi della gravidanza, interferendo a vari livelli sull’attività funzionale di queste strutture. La possibilità di utilizzare molecole simili a quelle prodotte dall’organismo umano permette di modulare i fisiologici meccanismi di regolazione ormonale e, di conseguenza, gli effetti prodotti sugli organi bersaglio, consentendo il controllo della fertilità senza rinunciare agli effetti benefici degli ormoni gonadici sulla salute della donna.