Congressi:
Vai
Approccio biomolecolare nella diagnostica dell’hpv: il ruolo delle nuove tecnologie nello studio dell’hpv-dna. attualita’ e prospettive.
Pubblicato su:
La Rivista Italiana di Ostetricia e Ginecologia n. 12
Keywords:
HPVDNA-chipGenotypingPCR.
Abstract Human papillomaviruses (HPVs) are small double-stranded DNA viruses of approximately 7900 bp that infect the human epithelium and cause hyperproliferation; the whole genomes of about 100 types have been isolated and completely sequenced. The classification can be based on the lesions that they cause: one subset causes common warts and the other subset, which infects anogenital mucosa (40 different types), causes genital warts and various forms of cancer in men and women. Because the detection and type-specific classification of HPV infection by an in vitro viral culture test is not possible and serological tests are still ineffective, a molecular DNA diagnosis is needed. Test of HPV is a useful adjunctive tool of Pap test to screen cervical cancer, in order to permit selection of those patients who are at increased risk for disease and therefore may provide additional clinical value. The DNA sequence analysis, with some limitations, seems to be more appropriate for genotyping than hybridization methods. HPV DNA-chip analysis is highly accurate for detection and genotyping of HPV and may have potential value as a robust, high-throughput screening test of uterine cervix cancer.
Parole Chiave:
HPVDNA-chipGenotipizzazionePCR.
Riassunto I Papillomavirus umani (HPV) sono dei piccoli virus con DNA circolare a doppia elica, contenenti approssimativamente 7900 paia di basi (bp), che infettano l’epitelio umano, causandone l’iperproliferazione; sono già stati isolati e totalmente sequenziati circa 100 tipi di genomi di HPV e la classificazione degli stessi viene solitamente eseguita sulla base delle lesioni che provocano: alcuni sottotipi generano delle comuni verruche mentre altri, che infettano la mucosa anogenitale (40 sottotipi), originano condilomi genitali e varie forme di cancro maschile e femminile. Poiché l’isolamento e la classificazione delle infezioni da virus dell’HPV mediante test su cultura in vitro non è effettuabile e i test sierologici sono ancora inefficaci, è necessaria una diagnosi molecolare sul DNA. Il Pap Test è un utile mezzo di screening per il cancro cervicale, giacché permette la selezione delle pazienti a rischio per tale patologia e un ulteriore valutazione clinica; l’analisi delle sequenze del DNA, seppur viziata da alcuni limiti, sembra essere il test più efficace per studiare il genotipo rispetto ai metodi di ibridizzazione. L’analisi con gli HPV DNA-Chip è un metodo molto accurato per l’identificazione e la genotipizzazione dell’HPV e acquista un valore aggiuntivo come test di screening valido ed altamente efficace per l’identificazione del cancro cervicale.